Deprecabili resti

Scrivo meno. Anzi, non scrivo affatto. Forse è così che finiscono tante cose: gli amori, le storie, le passioni; forse è così che va la vita, ogni giorno dimenticando un pezzo in più fino a non ricordarsi come stesse insieme tutto. Ho smesso di scrivere senza un motivo, semplicemente perché è diventato più facile non farlo, come non mi sono più svegliata all’alba per veder nascere il sole, come non ho più fatto una nuotata fino alla seconda boa, non ho più ballato. Dico di non avere più occasione di farlo ma non la cerco nemmeno, perché tante cose non sono andate nel verso giusto, ho incontrato le persone sbagliate, ho fallito alcuni obiettivi, ho perso la magia. Quando ti ripetono che le avversità non contano, che l’importante è andare avanti, non ti dicono mai a quale prezzo lo farai. Io ho deciso di dimenticare: nomi, fatti, persone; se ne sono andate nel momento stesso in cui le ho cancellate; non sono mai esistite davvero, non hanno contato niente, non provo più niente, non hanno lasciato traccia. Esistevano solo in me, ero io a dargli un senso, io a non lasciarli andare, io che li infilavo con ago e filo come fossero perle di una collana. Ma non erano perle e nemmeno plastica: solo scarti, avanzi di un pasto nemmeno poi così soddisfacente.

3 thoughts on “Deprecabili resti

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: