Still life

Apro gli occhi sul panico, si apre nel petto una voragine, finanche si separano le costole, come  sotto la spinta di un divaricatore. Apro gli occhi e smetto di respirare per…uno…due…tre…infiniti secondi. Buio. Buio pesante. Occhi gonfi. Corpo indolenzito. Il frastuono di una goccia che cade nel lavandino. BUM. Il frastuono del silenzio che inghiotte la vita fuori. E’ crimine, è ruggine, è vuoto cosmico che tutto ingloba. Sono Atlante con i nervi spezzati. Com’è cominciato tutto questo? Non lo so, quasi non lo ricordo. Ricordo la fretta, necessità impellenti da soddisfare, il progetto di un sacrificio che prima o poi sarebbe stato ripagato. Con la disperazione. Sono implosione di cose mai dette, di sogni infranti, di debiti mai pagati. Sono carne vivisezionata, sono cadavere all’obitorio con gli occhi sbarrati, increduli. Sono sangue che spilla dai graffi, sono intrico di segni rossi come codici segreti. Raccoglili tutti e deciframi. Sono davvero solo un passato interrotto? Sono piacere mai esacerbato, sangue che marcisce e secca, brividi intensi ma di freddo e paura, denti di ansia che ogni pensiero divora.

Noia dipinta su un vetro. 24 ore per finire. 24 ore per ricominciare. 24 ore e nulla è cambiato, tranne il volto allo specchio. 24 ore per ogni intero minuto, che non si può accorciare, tagliare, rifiutare. Come ogni minuto inesorabilmente con l’ossessione si paga. Rette simmetriche, conta tre volte, allenta il respiro fino a mancare; sguardo basso, non mi cercare, impilo costante, allineamento feroce. Ore palindrome, chiudere gli occhi, inspira, esala, inspira, dispera, inspira, scatena, incatena, espira. Domani è un altro giorno, domani sarà uguale. Spegni la luce, spegni la voce, spegni il domani, spegni la fiamma, spegni il buio. Lasciami andare. Lasciami andare.

Lasciami.

Tagged , , , , , , , , , ,

16 thoughts on “Still life

  1. Wish aka Max says:

    Lasciami andare? Ma dai non puoi parlare sul serio. Lasciami andare una sega. Prendi e vai. Come direbbe Johnny Palomba, “macheddavero?”

  2. un colpo secco, ad ogni parola, in mezzo al petto.
    fa uno strano suono.

  3. bestiabionda says:

    muovili piano.
    i muscoli indolenziti.
    e respira a pieni polmoni la voglia di riuscirci.
    sempre.
    ed infine lasciati andare, non aspettare di essere lasciata andare

  4. Topper says:

    Lasciami andare? Scordatelo.

  5. el says:

    ci sei tu.
    chiudi gli occhi, inspira, esala, inspira, ragiona, inspira, riprendi, sciogliti, espira.
    lasciati andare. lasciati. tu.

  6. Un giorno, non dico subito, ma un giorno, passo dopo passo, vorrei riuscire a realizzare davvero tutto questo. Sembra la cosa più difficile del mondo, sai? Scricchiolo❤

  7. silenthell16 says:

    Certe volte penso che tu mi entri nella testa e scrivi per me molte volte.La chiusura potrei averla scritta io se solo lo sfondo fosse stato bianco.Chiudi gli occhi, perchè a volte il buio è l’unico specchio adatto a noi.
    Manchi tanto.
    Ta
    S

    • Io scrivo per te, perché il tuo sguardo che mi segue da tempo è per me motore di ogni passo. Il buio, che tanto trovo necessario come sfondo alle parole, nella realtà mi trova e schiaccia. Io ci sono, quando vuoi, se vuoi.
      Ta
      B

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: