Racconti intorno al fuoco

Succede che siamo seduti attorno al fuoco, una notte, la notte di Halloween. Succede che attorno al fuoco si sviluppano storie, storie horror. Mi immagino seduta tra lei e una bionda che ora è mora e ha delle lunghe forbici al posto delle dita ed è perfetta così ed è ora che lo sappia. Succede che c’è chi ha il vocione che fa trasalire e che credo riconoscerei subito e poi la madrina della nottata, che incanta tutti con la sua fantasia, senza nemmeno aver bisogno di parlare.

E quando è il mio turno, inizio a raccontare:

Foliage Rouge

Le mani cominciavano a fare male, le dita arrossate, i fumetti di fiato sempre più densi. Ogni tanto, mentre rovistava tra le foglie, colpiva un riccio; emetteva allora un “ahi” acuto, ritraendo istintivamente la mano, poi sorrideva e la rituffava giù, ad afferrarlo. Con gesti sapienti lo forzava cercando di non pungersi più, il viso infantile concentrato e ne tirava fuori le castagne, di quel marrone vibrante, caldo e lucido di sfolgorante autunno. Ne aveva un sacchetto già bello pieno che risuonava appeso alla cintura. Talvolta, accanto a lui, si scorgeva passare una nuvola: era Minnie, un barboncino bianco come un batuffolo di cotone idrofilo, che, eccitata da quell’inattesa gita, scorrazzava a destra e a manca, inseguendo scoiattoli, uccellini, ma anche foglie fluttuanti e insetti. “Minnieeeee” la chiamava ad intervalli, quando la sua mente ne registrava l’assenza protratta; sentiva allora un fruscio, un cespuglio si agitava frenetico e il suo tartufo nero, in mezzo al musetto bianco e vivace, spuntava tra le felci e gli correva incontro, andandosi ad intrufolare tra i piedi. “Daiiii, smettila, mi farai cadere!”. Faceva il gesto di allungarle un buffetto, lei si schiacciava a terra dimenando la coda e un istante dopo si rizzava sulle zampe e ricominciava a trotterellare allegramente.

Passarono così diverse ore. L’oscurità nel bosco cominciò a serpeggiare, furtiva, annidandosi tra le fronde degli alberi, come un mantello che piano piano discende dall’alto inghiottendo tutto. Banchi di nebbia, spettrali, si riunivano nelle piccole radure che si aprivano tra il folto degli alberi, come piccoli laghi sospesi. L’umidità cominciava ad incollarsi addosso, appesantendo i passi e affaticando il respiro. Era ora di tornare a casa, era forse già troppo tardi. “Minnieeeee” chiamò. Si accorse di non sentirla da un po’, una mezz’ora almeno, concentrato com’era nella ricerca. “Minnieeeeeeeee”. Nessun movimento, nessun rumore. Si rese improvvisamente conto che non si sentiva più un solo richiamo tra gli uccelli, non un ronzio, un fruscio. Nulla. Anche la sua voce sembrava risucchiata dagli alberi, soffocata, nel silenzio sempre più pesante. “Minnieeeeee!”, quasi un urlo questa volta, rauco, quasi con rabbia, quella rabbia che nasconde il terrore, quando il cuore comincia a rimbombare nelle orecchie, quando un rimbalzo sordo sembra spingere le lacrime agli occhi e le mani, sempre più fredde, tremano fragili come le foglie in autunno.

Poi uno scivolare di foglie, poco più avanti. Si immobilizzò, totalmente. Anche il cuore avrebbe fermato e forse si fermò davvero, per un attimo, per poi quasi scoppiargli in petto. “Minnie?” Un bisbiglio adesso, flebile, un soffio di fiato quasi percettibile. Fece un passo avanti. Il suono sembrava provenire da un albero, davanti a sé. I suoi occhi, sbarrati, cercavano la figuretta familiare, il suo apparire festoso, il suo abbaiare indispettito. Cosa fare? Il crepuscolo era già passato? Non poteva lasciarla lì, sola , nel bosco, sarebbe morta di paura, lo sapeva, e allora come fare? Di nuovo lo stesso fruscio. Di sicuro poco più avanti, presso quel grande albero, strano, diverso da ogni altro: il tronco non presentava chiazze di muffa similmente agli altri tronchi, era uniforme e nodoso, con profonde fenditure, come una maschera spaventosa. Ma di sicuro era da lì che proveniva il rumore. Si avvicinò allora, guardingo e terrorizzato, anche lui ridotto ormai a un piccolo animale in preda al panico. Il richiamo sembrava morirgli in gola prima ancora di uscire: “Min…”. Dov’era finita? Se era lì, perché non rispondeva? Si avvicinava, piano piano, a quel rumore insistente di foglie secche smosse. Avrebbe fatto lo stesso rumore lei calpestandole? No, forse no, ma cos’altro poteva essere? Non poteva essere altro che lei, probabilmente attratta dalla curiosità per una biscia tra le radici nodose della pianta, dove, forse, era rimasta intrappolata. “Mi…”. Si chinò alla base di quell’enorme albero cercando di spiare tra le cavità che si aprivano tra la terra e il tronco. Poi uno scalpiccio alle sue spalle e un guaito che gli gelò il sangue. Si voltò, improvvisamente, rischiando un torcicollo. Eccola, era lì! Fece in tempo a notare il suo nervosismo, mentre, sempre guaendo, si appiattiva stirando le zampe, indecisa se allontanarsi o meno, tremante. “Minnie, che succed..?” Prima che potesse terminare la frase qualcosa lo afferrò strettamente alle caviglie facendolo cadere con un tonfo, il viso schiacciato tra le foglie. Se ne riempì la bocca nel tentativo di respirare: “Minnie, aiutami!” pianse. La vide, folle di paura, girare in tondo, vorticosamente. Poi un’altra radice lo strinse alla gola e lo trascinò nel buio della terra, mentre le castagne raccolte rotolavano, spargendosi tutt’intorno. Quel giorno, le grandi foglie di quel misterioso albero, si tinsero di scarlatto.

Tagged , , , , ,

14 thoughts on “Racconti intorno al fuoco

  1. el says:

    dovremmo farlo più spesso.

  2. bestiabionda says:

    uh. la perfezione è sottile, tende a non esserci mai, ma e dico MA. La perfezione si raggiunge quando c’è condivisione, emozione. Qualsivoglia emozione. E poi leggere storie di notte prima di dormire, perchè non si può aspettare domani.
    (e dovrei dirti grazie, perchè se mi sono messa i capelli neri è anche un po’ “colpa” tua🙂❤ )

    • Che tu non abbia aspettato il mattino dopo per leggerlo un po’ mi fa sorridere, un po’ mi fa sentire in colpa, un po’ (tanto) mi imbarazza, ma solo perché sono parole che mi fanno percepire un po’ di responsabilità; perché rinunciare al sonno per leggere qualcosa lo associo alla scrittura seria (ed il mio contributo di certo non si annovera in questa categoria) ma. Tu dovresti allenarti a realizzare i sogni, credo ci voglia solo un po’ di pratica perché il resto invece è tuo: tua la fantasia, tua la creazione, tua la speranza che si possa fare. Quindi fallo, la prossima volta credici e fallo.
      *

      • bestiabionda says:

        nah, ma quale responsabilità🙂 volevo leggerlo e non ne avevo avuto il tempo prima e l’ho fatto perchè volevo farlo.
        tutto il resto sticazzi🙂 non ho rinunciato a niente, e sì. bisognerebbe tutti crederci un pochino di più.

  3. Wish aka Max says:

    Concordo con el, facciamolo più spesso.

  4. Wish aka Max says:

    E questo racconto mi ricorda uno stile. Ma non mi ricordo chi. Ed è bellissimo, l’ho già letto quattro volte e ogni volta è più bello, ogni volta scopro qualcosa di nuovo.

    • Grazie*
      perché lo hai letto e riletto (addirittura 4 volte, ma chi te lo fa fare?^^), per il “bello” e “bellissimo” (che di certo non merita) ma soprattutto grazie di guardarci attraverso, di guardare tra le righe: io non so se davvero ci sia qualcosa da cercare ma grazie di farlo, di credere ci sia.

  5. Iaia says:

    Posso dirti che a mamma è piaciuto da impazzire?
    ecco.
    e anche io quando lo rileggo riscopro cose sempre nuove.
    Grazie.

    • Ah no, grazie a te*
      Perché non l’avrei mai scritto altrimenti.
      E che sia piaciuto alla mamma mi lusinga davvero molto. Davvero moltissimo.
      E che venga addirittura riletto… beh…
      esiste soddisfazione più grande?

  6. Luci says:

    Bello, bellissimo… per nulla banale, pieno di immagini altamente evocative… la pianta della conclusione e le radici nodose mi hanno fatto pensare a certe scene de “Il mistero di Sleepy Hollow”…

    • Gli alberi hanno una forte simbologia per me, fin dall’infanzia. Li ho disegnati, dipinti, raccontati, fotografati. Li ho visto crescere all’infinito e trasformarsi, uomini in alberi e alberi in uomini. E, naturalmente, popolano anche molti dei miei incubi.

      Grazie*

  7. silenthell16 says:

    Tutte le storie sono stanze.Ogni stanza ha il suo nome, il suo volto e la sua presenza fisica in te.Anche se non sei più quella persona, c’è un angolo di te che non vuole saperne di buttare certe piccole abitudini, certe insicurezze.A volte siamo troppo innamorati del nostro passato, talmente tanto da non voler evolvere per paura che svanisca quella pelle che così perfettamente abbiamo abitato per anni.La mia storia non la ricordo neanche io, oppure si, non saprei.Un giorno avrò il cuore di raccontarla tutta nei dettagli ma per adesso ascolto la tua.Mi siedo e ad occhi chiusi so che puoi sentire la mia mano sulla mia spalla.
    Avrei solo voluto esserci, nei tuoi sedici anni.
    Ta.
    S.

  8. silenthell16 says:

    ( era il commento al post più sopra sis, son rincoglionita pardon)<3

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: