Scatter in art form

Non sono stata sola nemmeno nel ventre di mia madre. Dovrebbe essere un diritto inalienabile quello di una gestazione in solitaria. Ma le coccole e le carezze, i gridolini e il batticuore non erano per me. Io ero un male collaterale, disfunzione organica che si sarebbe risolta quando tutto si sarebbe concluso, anomalia da rimuovere chirurgicamente o lasciare assorbire. Lo diceva anche l’ecografia. Io non c’ero.

Io non ci sono mai. Sono quella che incontri e ti sembra di conoscere, sono quella che saluti e dimentichi all’istante. Sono quella che non chiami “amica” perché ti sembra di non conoscerla mai abbastanza, quella che non ti interessa conoscere più a fondo, tanto è strana. Strana e distante. Anche quando è vicino. Sono la mail che leggi pensando “ora non ho tempo, rispondo domani” sapendo che domani è un giorno ancora da inventare. Tanto poi si dimentica, tanto non è importante.
Quindi faccio il primo passo. Per aiutarti a dimenticare. Non rispondo al telefono, non accendo la webcam perché ho dimenticato l’account, ti scrivo una volta al mese, ti dico che va tutto bene. Però non dimentico mai il giorno del tuo compleanno, non ti scrivo mai un messaggio precompilato, riassumo tutte le emozioni di un anno in un attimo e te le invio, perché forse sarà l’ultima volta, perché forse ci sentiamo un altr’anno.

E forse hai ragione, assolutamente ragione: sono strana e distante e non sono capace di essere un’amica, una figlia, una sorella, un’amante.

Dovresti avere la costanza di scrollarmi ogni giorno e ripetermi: “Cazzo, per me esisti!” e sarebbe importante il “cazzo” all’inizio, perché attivo l’attenzione se sento esasperazione, forse sempre per la paura di perdere tutto – per senso di colpa, o forse perché penso “allora sei vivo, non ti ho immaginato!”, forse solo perché quando mi agito mi scatta il turpiloquio e lo trasferisco agli altri, forse solo perché sono un essere umano, dopotutto.

E sono sola da una vita anche se sola non sono stata mai. Ed è la croce che porto sulle spalle, la stessa che pulisco e lucido ogni sera, prima di piangere per una intera notte. Ed era l’unica scelta e l’unica delizia fingere di non esistere, non avere pesi, non avere corde attorno al collo e alle braccia, anche se era un’illusione di libertà.

Perché poi un giorno ho aperto gli occhi e ho immaginato di scomparire e la quiete, il silenzio che ho sempre immaginato legati a questa immagine non c’erano più, al loro posto mi ha raggiunto un’eco di un grido, di una sofferenza straziante e ho capito che no, non lo posso più fare.

    Adesso spiegami tu cos’è.

Tagged , , , , , , , , , ,

21 thoughts on “Scatter in art form

  1. Wish aka Max says:

    Cazzo per me esisti. E sto guidando ma non pitevo aspettare dopo. Scusa la sintesi confido comprenderai

  2. Wish aka Max says:

    Ho sempre pensato che siamo isole. E nei momenti di disperazione profonda è dentro di noi che dobbiamo cercare l’energia. Però ci sono dei momenti in cui certe isole si avvicinano, e sentire il profumo della vegetazione dell’isola vicina spesso è un catalizzatore per riflettere e per trovarle, quelle energie.
    Però bisogna accorgersene, che c’è un’isola vicina. Se ti guardi intorno con attenzione riuscirai a scorgerne molte. Forse c’è nebbia, ed è per questo che si intravvedono appena, ma sono proprio lì.
    E grazie ancora, perché io il profumo della vegetazione ce l’ho ancora nelle narici.

    • Ho sempre immaginato isole galleggianti, immerse nella nebbia ma in grado di muoversi e comunicare e di mostrarsi selettivamente.
      E poi, lo sai, io sono un riccio: sono buffa col mio naso a punta, sono spesso sola, mi appallottolo al primo accenno di pericolo e divento inavvicinabile. Ma è questione di tempo e fiducia.

  3. el says:

    ma venire lì a picchiarti si può? Max mi appoggerà, lo so.

    ah. comunque
    cazzo, per me esisti.
    e cazzo. io amo come scrivi e quello che scrivi. però qualche volta se ci fossero dei sorrisi in più. e lo so che non dovrei parlare io, ma.

    facciamo il solito?

  4. Comunque tutti questi “Cazzo, per me esisti” mi stanno facendo sorridere. Quindi ci sono, anche loro esistono =]

  5. mi unisco al coro qui sopra.

    e basta dire cazzate, esisti per un sacco di gente🙂

    (con affetto, mai potrei altrimenti!)

  6. Topper says:

    Che differenza fa se esisti o no? Io continuerei a cercarti come ora, gli altri pure e così quelli che ti conoscono e non ti conoscono. Tu fai, non porti il problema.

  7. Iaia says:

    non ti avevo nel gugolrider. questo fa di me una schifezza cosmica e quindi è solo una conferma.

    da oggi sei ufficialmente rovinata.
    amen,.
    tiamo.

  8. Iaia says:

    non posso dire la prima parola . E’ una questione di immagine.
    Mi capisci vero?

    CAZZO.
    per me esisti.

    pazzo? chi ha detto pazzo?

  9. bestiabionda says:

    CAZZO arrivo tardi, ma. Come si fa a dimenticarsi che esisti??? come si fa a non. no. va bè.
    CAZZO. per me esisti eccome🙂 e mo so cazzi tua.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: