Tra le tue braccia non tremo più

Tu che respiri, mi respiri addosso, fai fremere una ciocca dei miei capelli sul mio collo, un solletico lieve e persistente; io che non mi muovo, non la sposto, non voglio cambiare nulla di questo momento; io respiro. Io respiro. Respiro l’aria che ti attraversa, lentamente, profondamente; faccio mio il tuo fiato, il tuo odore, il calore che avvolge la tua pelle come la calura i muri in agosto; mi lascio scaldare in silenzio, avvinghiata a te. Ogni tanto sento tendersi i muscoli del tuo collo contro il mio e il tuo petto riempirsi, deciso, come se stessi per parlare, ma poi taci. Io allora ti stringo, ogni volta un po’ più forte, sapendo che avverti questo avvicinarmi quasi millimetrico, quasi a scavare un solco sul tuo petto per essere sicura di appartenerti, in questo istante, in questo abbraccio. Fino a far male. Ti stringerei fino ad invecchiare con te, aggrappata alle tue spalle, immersa nella danza segreta di quel doppio pulsare tra di noi. Temo un tuo cenno, la perdita di tensione che prelude al rilascio, al distacco. So che non cercherei di trattenerti più di quanto tu voglia. E lascio attendere l’ansia di perderti, ancora un istante.

Tagged , , , , , , , ,

8 thoughts on “Tra le tue braccia non tremo più

  1. silenthell16 says:

    L’ansia è ciò che rende tutto meraviglioso.Anche se fa male, anche se ci punge il cuore come uno spillo ogni volta, ci sono momenti in cui mi chiedo cosa sentirei se sparisse del tutto.Forse vuoto, forse nulla, forse quell’abisso che non voglio davvero guardare.Se hai trovato qualcuno da abbracciare, non lasciare la presa e aggrappati con le unghie, diventa parte di quella carne e vivi.
    Ti bacio forte tesoro.
    Ta
    S.

    • L’ansia, compagna scomoda che trasforma l’attesa in agonia, timore in terrore, paura in angoscia. Nei miei gesti nervosi, nelle parole che continuano a non tornare, c’è sempre lei, il retrogusto amaro di ogni pietanza. C’è un solo momento nel quale mi abbandona: quando sono io ad abbandonarmi, quando non ho paura, quando mi sento protetta, quando sento di appartenere ad altro e non a lei. Ed è un momento dolce, fino in fondo.

  2. ed è così che ti immagino, dolce e bianca in un abbraccio.
    nella mia mente, sempre così

  3. Luci says:

    La mia prima “visita”… un post da batticuore… una bellissima emozione. Scrivi benissimo. Senti profondo. Spero di avere presto il tempo di leggermi tutti gli arretrati. Ma non ora. Certe cose non vanno fatte con la fretta…

  4. Capito per caso in questo blog e ne resto piacevolmente colpito. Lo leggerò spesso e volentieri, mi sa.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: