Ad occhi chiusi

C’è un bel sole fuori, forse è quasi estate: c’è un libro abbandonato sul pavimento di piastrelle ed io cammino tra le sue righe. Il mio cappello di paglia ha un forte odore di liquirizia. Mi chiedo come faccia la paglia a sapere di liquirizia e intanto continuo a saziarmi ad occhi chiusi del suo odore, ne faccio indigestione.
Sono seduta all’ombra di un girasole: dondolo la testa all’unisono con la corolla, mi abbandono mollemente con lui nella brezza.
Vedo migliaia di girasoli, un mare giallo, corale. Si respira un forte odore di vite. Ci sono grappoli scuri, carichi ed affaticati e risa tutt’intorno, affaticate anch’esse ma gioiose, come le onde sulla battigia. Ci sono diamanti sospesi sulle onde, devono essere diamanti altrimenti non si spiega quel prezioso chiarore e c’è la tua pelle bruna che sa di biscotto, di una cosa buona da mangiare. Come le tue labbra scure quando sorridi e accendi il sole da qualche parte nel mondo e sui tuoi denti di latte. È dentro un bicchiere di plastica, è il più buono mai assaggiato, mentre la pineta intorno, intera frinisce, assordante, di cicale. S’alza il vento e tutto tace. Sa di sale e di tempesta ed è dolce di nespoli in fiore, è caldo di asfalto e fresco di indaco. Se potesse parlare avrebbe la tua voce. Se potesse parlare forse sceglierebbe il silenzio.
So che è venuto a cercarmi, è venuto per me. Ma lo lascio aspettare, ancora un attimo, un attimo ancora. Lo voglio solo respirare. Ma ad occhi chiusi.

Tagged , , , , , , ,

14 thoughts on “Ad occhi chiusi

  1. Wish aka Max says:

    Wow. Che bello.
    Grazie delle emozioni.

  2. el says:

    che bella sei

    • Sì, era proprio per lei. Lei che ascoltavo, lei che, non so, è malinconica e trasognata…da cantare quasi a mezza voce, in un sospiro.

      • ho letto il tuo post stamattina dall’ufficio.
        mi è subito tornata in mente questa canzone che non ascoltavo da un sacco di tempo, forse anni.
        l’ho avuta in mente tutto il giorno.
        l’avevo dimenticata. e mi sorprende sentirla ancora tanto mia

        (e comunque è una chicca da intenditori😉 )

      • Io qua lo dico e non lo nego: il Giovanardi ha una voce che non lo so… ma sono sempre stata pazza di lui fin da La Crus!

  3. ha una voce che non è tra le mie preferite.
    sinceramente sono ben poche le voci italiane che amo, ci sono gruppi come i baustelle, i marlene o niccolò fabi di cui amo i testi ma poco o nulla testi e/o voce.
    giovanardi è uno di questa categoria, ma questa canzone è un piccolo capolavoro nel suo insieme.
    questa è una delle pochissime cose che amo dell’italia, una lingua complessa che si regge da sola nel testo di una canzone

    • È una voce bassa e corposa…in pezzi come “Come ogni volta” e “Dentro me” non ne apprezzerei un’altra. Cattura la mia attenzione, qualunque cosa stia facendo finisco per ascoltarla. È istintivo. Ma a me fa impazzire anche la nasalissima voce di Molko. E poi, credo, basta. L’italiano è una lingua densa di sinonimi “settoriali”, ogni sfumatura cambia il concetto e questo è fantastico e mi manca da morire. Il tedesco spesso usa lo stesso termine per mille cose diverse, anche assurde (una lingua che chiama i guanti = SCARPE DA MANO…non so se rendo l’idea -_-) e a volte è davvero sconfortante!

      • ahahahahah, io col tedesco ho rinunciato. troppo complicato. mi ha sconfitto in partenza al “io mi chiamo”

        molko vabè, per me quello è un altro pianeta, è ipnosi, è perfezione, è conforto.
        il più bel concerto mai visto e le canzoni che non mi stanco mai mai mai di sentire. ❤

      • Avevo scelto tedesco all’università…ricordo la prima lezione come una delle esperienze più traumatizzanti della mia esistenza. Infatti preferii non ripeterla. Ma come dicono qui, dove “le colline vivono del suono della musica”, “mo’ so’ cazzi”!

        Concordo: Molko e i Placebo tutti hanno del sovrannaturale!

  4. si, secondo loro le montagne sorridono e le caprette fanno ciao.
    gente che sta male😉
    in tema musicale fuggo che vado a vedere i coldplay.
    più che una passione uno svenamento per fare un regalo.
    speriamo bene!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: