Daily Anger Management

h. 13:45 -> Affondare i denti in una mela, sentirne il succo mischiarsi alla saliva, ma freddo, più freddo. Staccarne un grosso pezzo con un sonoro rumore di osso spezzato. Fottersene del sapore, della polpa che si dissolve sulla lingua, dimenticarla, aspettare solo di ingoiare per affondare i denti di nuovo, a fondo, fino a graffiarsi le gengive. Lei non si lamenta, anche se non riesco a smettere di pensare che potrebbe farlo e ciò mi nausea. Azione conclusa con successo. Fine.
h. 14:00 -> Rassettare il letto: sbattere i cuscini contro il muro, strappare le lenzuola dal materasso. Riprendere fiato. Inhale. Exhale.
h. 14:15 -> Risistemare: stirare le lenzuola, far combaciare ogni angolo. Rimboccare un bordo parallelo di 30 cm. 30 cm. Riallineare. Armonia geometrica di linee, rette parallele e perpendicolari. Riallineare. Combaciare. Precisione, pulizia e ordine. Inhale. Exhale.
Un susseguirsi maniacale di azioni pensate per esorcizzare la violenza. Sorridi per esorcizzare la paura. Sorridi anche se stai tremando, sorridi anche se i tuoi fottutissimi occhi si stanno riempiendo di fottutissime lacrime. Me lo ripeto alla generale Hartman. L’ho sempre fatto troppo spesso. L’ho sempre fatto. “Ha le lacrime in tasca”. Sì, ok. Sapevo che sarei cresciuta con le tasche piene di lacrime. A ognuno il suo destino. Ad ognuno il suo fottuto destino. Abuso del participio in forma aggettivale “fottuto/a/e/i”. Il turpiloquio esorcizza le lacrime. Più mi emoziono e più ne abuso. Forse per darmi un tono, forse solo perchè stempera la rabbia. Think before speak. E pensare che spesso mi sento chiedere come faccia a non arrabbiarmi mai. “Sei sempre così calma”. Sorrido. È un sorriso feroce. “È perchè sono vegetariana”. “Ah, davvero?”. Mi guardi serafico/a, con ammirazione, il tuo sorriso non assomiglia al mio. Il mio è un ghigno storto. Sorrido raramente con entrambi gli angoli della bocca sollevati, solitamente se ne solleva uno solo, maligno, con strafottenza. Ooops, perdonatemi, l’ho fatto di nuovo.
E comunque ora devo proprio andare.
h. 14:30 -> lucidare l’acciaio.

Tagged , , , , ,

16 thoughts on “Daily Anger Management

  1. NaifSuper says:

    Adesso mi stai spiazzando…

  2. NaifSuper says:

    E se invece addentassi una calda e succulenta bistecca?

  3. silenthell16 says:

    Sembra che come al solito la dimensione dei nostri scritti vada di pari passo.Sono stanca di raccontare della bellezza che non vedo più e credo sia tempo di scrivere semplicemente ciò che vedo e che sento, senza fronzoli:la pura e nuda verità.Quella che non diciamo a nessuno, quella che fa male come una puntura di spillo, quella che serve a ricordarci il nostro cammino.Passo dopo passo, errore dopo errore.Grazie per essere ciò che sei e di regalarmi quelle emozioni grandi e potenti che da tempo erano sopite altrove.
    Per tutti i sogni persi ed il fiato trattenuto, semplicemente grazie.
    Toujours ta,
    S.

  4. tutto quel bianco mi inquietava.

    • C’ho provato. Sono in vena di cambiamenti (leggi: sono intollerante anche all’aria che respiro), ma non ho resistito.

      • ti comprendo.
        io sono in fase sperimentale con i miei capelli.
        sono passati 2 anni e mezzo dall’ultima volta e sto ancora aspettando che ricrescano.

      • Beh, se posso darti un consiglio, non tagliarti MAI la frangia da sola per cambiare un po’: crescerà con una propria identità, ribelle e indomabile, praticamente incazzata.

      • già dato. anche storta,
        sto giro ho deciso di puntare sul colore.
        potessi strapparmi la pelle di dosso e scambiarla con qualcuno ora come ora cambierei anche quella

  5. Martina says:

    ah. la faccio anche io questa cosa maniacale del letto. attività ossessivo compulsiva, dicono. Prima piangevo se il letto non era fatto come dicevo io, azioni isteriche, roba da matti.adesso va meglio, mio marito mi sfotte e rido quando mi accorgo che piego il fondo del letto per farlo diventare perpendicolare al pavimento. Quindi, ce la si può fare1

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: