花樣年華

É solo elettricità che si concentra qui, a pochi centimetri dallo sterno, sono nuvole temporalesche che corrono sotto le mie palpebre chiuse, mentre attraversi come lama ogni vertebra aleggia un motivo di Umebayashi, forse solo nella mia mente, un motivo struggente come un’estate perduta. Scorrono minuti fantasma in un’attesa irreale.
A cosa pensi? A cosa pensi? Se le mie braccia fossero ali ti direi di stringerti forte a me. Già non sono più qui: l’impronta del mio corpo, svuotato del cuore, nascosta sotto le foglie ingiallite, é nuda e confusa. Sei dentro me come io sono in questi alberi, come tutti i colori si fondono nella luce e si nascondono nel buio. Mi perderai come io perderò me stessa, come l’onda perde la riva e nella notte si smarriscono le ombre. Torneranno ancora questi giorni, ma io non sarò qui. Imprevedibile e capricciosa come il cielo di marzo ti chiederò di condurmi dove non saprei arrivare. Ma ora restami accanto, ora tienimi in te: é solo un incendio che si consuma e che ci spazza via, é solo il desiderio di lasciarmi cadere, é un altro schianto dal quale riavermi quanto tutto questo sarà finito.

Tagged , , , , ,

32 thoughts on “花樣年華

  1. Black says:

    “Contrariata riaffiori
    velenosamente per affilare
    nel silenzio – parole.
    È un laconico rodeo, e tu cadi…
    Questo domani – che non tornerà a cercarti.
    Questo domani – non dipende dai tuoi sguardi.”

    Le mie ali nere ne hanno visti di graffi. Ma hanno ancora la forza di stringere.
    Vieni qui, lasciati avvolgere.
    Un bacio,
    C.

    • Alle tue ali nere rischierei di chiedere di essere portata lontano, confondendoci con la notte e di nascondermi dal mondo.
      Ti bacio.
      Come sempre ~grazie di esserci~

      • Black says:

        La mia intenzione era proprio portarti via, con me.
        Reggiti forte. Al resto ci penso io.
        Ti bacio anch’io, dolcemente.
        Non ringraziarmi…mi piace qui e mi piaci tu, lo sai.

  2. Topper says:

    Il cielo di marzo non è più imprevedibile e capriccioso come un tempo. Si è spostato più in là e allo stesso modo tu sei in grado di arrivare dove forse nemmeno immagini, dando a chi ti sta accanto la forza di proteggerti. E’ tuo il dono.

  3. KuklaVudu says:

    “é un altro schianto dal quale riavermi quanto tutto questo sarà finito”

    Già, solo un altro schianto…
    E a volte mi chiedo se valga la pena riaversi da uno schianto solo per andare incontro a quello successivo…

    • Io credo proprio di sì.

      [Grazie di essere stata qui]

      • KuklaVudu says:

        Forse la mia perplessità è dovuta al fatto che l’ultimo schianto è recentissimo, ma in fondo mi sono sempre rialzata, quindi credo che il mio inconscio sia d’accordo con te.

        Grazie a te di essere qui, come un sentiero che promette nuove mete partendo da una strada che stavo già seguendo da tempo.

  4. NaifSuper says:

    Huāyàng niánhuá, l’età dei fiori.
    Per sempre in the mood for love.

  5. NaifSuper says:

    Sei un frullatore…. Ti ho investito?😉

  6. NaifSuper says:

    Non temere (per tua sfortuna) anch’io ti voglio bene. :*

  7. NaifSuper says:

    quali sono questi déjà vu?

  8. silenthell16 says:

    E’ lo schianto che rende la caduta così meravigliosa.L’estasi di un momento di puro niente con la mente vuota ed il cuore che esplode nelle vene.Che tu possa perderti sempre e mai ritrovarti.In colori mai visti, in albe e tramonti che finiscono ed iniziano solo e soltanto dentro di te.

    Ti tengo a me.
    Sempre tua.
    S

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: