Chiedo autorizzazione per rientrare in me

Lei ha occhi troppo grandi per impedire al mondo di guardarle dentro. Lei vorrebbe stare ad occhi chiusi nel silenzio dialogando senza sosta. Lei non sa correre abbastanza forte da lasciarsi il dolore alle spalle. Lei, sono io, cosí diversa da me da non sapermi riconoscere, sempre troppo uguale a me stessa per cambiare. Entità immobile in mille luoghi diversi. Una vita in costante salita eppure in caduta, mai libera. Perchè anche per cadere bisogna lasciarsi andare ed io non ne sono capace. Mi oppongo a tutto, mi difendo da tutto e non resisto a nulla. Vivendo muoio ogni giorno un po’, d’amore, di fame, di noia. Sogno costantemente senza dormire un solo minuto. Godo di ottima salute pur essendo profondamente malata da sempre. Malata di tempo che non so usare ma che sa usarmi puntualmente, abuso di tutto ma non conosco il vizio, provoco senza danni, seduco involontariamente ma amo consapevolmente a senso unico. Schiava di un destino dal quale mi faccio legare i polsi e frustare senza provare alcun piacere perchè mi piace condurre per farlo, ho fantasie erotiche che non vorrei mai realizzare e desideri carnali limitati all’immaginazione. Mi immagino implacabile ed efferata e mi commuovo per tutto, vesto di nero quando desidero nuvole rosa, mi ricopro di borchie se ho voglia di un bacio, grido senza voce e non chiedo mai aiuto. Non ho grilli per la testa eppure nella mia testa c’è di tutto, la tengo fra le nuvole insieme ai piedi. Osservo tutti ma non amo lasciarmi guardare, scrivo cose che nessuno dovrebbe leggere mai. Nemmeno tu.

Tagged , ,

13 thoughts on “Chiedo autorizzazione per rientrare in me

  1. Black says:

    E in tutto ciò, sei meravigliosa. Ogni respiro sempre di più.
    Sei Tua, soltanto Tua.

    Un bacio,
    C.

  2. uno dei post più belli di sempre.
    uno dei post più belli di chiunque.
    uno dei post più tristi di sempre e di chiunque.
    ma chi l’ha detto che la tristezza non può essere comunque meravigliosa?

  3. Topper says:

    Era il tuo compleanno?

  4. Spero di non risultare troppo antipatico, ma in questo blog c’è qualcosa che sembra sfuggirmi in continuazione. Un po’ come quelle volte che si viaggia in treno e piove forte, e non puoi guardare oltre anche se vorresti…questo spazio sembra quasi una camera oscura, con un’insieme di foto in cui cerco il tuo volto per curiosità, ma lo cerco inutilmente, perché è tutto incredibilmente sfocato.

    Anto

    • Non preoccuparti, non pretendo di piacere, né di essere definita, compresa, capita. Strano che tu lo scriva come commento ad un post incredibilmente personale, sarà la mia stessa natura a risultarti incomprensibile. Succede, per fortuna.

  5. NaifSuper says:

    Lei è. Tanta roba.

  6. Feu Follet says:

    Lei ha occhi così grandi da riuscire a vedere anche le ombre che il mondo proietta quando non c’è luce. Lei ha un animo così profondo da riuscire a percepire il calore di una fiamma anche a chilometri di stanza. Lei che vive in un mondo capovolto dove ogni giorno è contemporaneamente diverso e uguale a quello precedente. Lei che è così perfetta proprio così com’è…

    La frase: “Non ho grilli per la testa eppure nella mia testa c’è di tutto” è stupenda… ma del resto tutto quello che scrivi lo è.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: