Mist

Respiro nebbia. Che questo mondo divora, i sogni intrappola, le mie vene invade. Troppo spesso ho confuso il bisogno di scrivere con quello di amare, nell’amplesso di carta e caratteri, di bianco e nero. Ti ho chiesto di spiegarmi, afferrare un bisturi e sezionare. Ho atteso paziente, le viscere esposte in laghi di inchiostro, che trovassi la cura ma non avevi risposte. Solo domande, solo bisogni che non so soddisfare; Li bagni di sangue, mi sporchi la bocca, le mani e mi guardi tremare. Chissá a cosa pensi? Se sono io il motore dei sogni, il mostro di carta che tieni nascosto, chissá se senti ancora il bisogno di stringermi, mordermi il collo, legarmi al tuo letto. Sono lontana, sono di nebbia. Striscio alla tua porta ma non oso rischiare. Mi senti fredda, indifferente, incostante e invece brucio di vergogna e furore, desiderio e passione. Senza denti, senza braccia. Sono nebbia e ti vengo a cercare.

Tagged , , , , , ,

12 thoughts on “Mist

  1. Feu Follet says:

    Quando ho letto su splinder:” Questo è il mio ultimo post” speravo veramente che non fosse così e quando ho visto il tuo nome ricomparire tra gli utenti di Wp ne sono stata più che lieta! Mi piace quello che scrivi, mi piace come lo scrivi e anche se spesso non commento, folleggio sempre tra i tuoi post… .Credimi, mi sarebbe dispiaciuto veramente non poterti leggere più!!!
    A volte latito, a volte rispondo tardi, il mio blog è un casino che non ho mai tempo di sistemare perchè troppo presa a fare cose probabilmente inutili… ma ci siamo… siamo di nuovo in pista e ti ringrazio infinitamente per essere ancora tra i tuoi contatti.
    Ci leggiamo presto…
    Feu Follet

  2. Topper says:

    Fatti luce e sarà lui a cercarti.

  3. Topper says:

    Le falene usano la luce per orientarsi. Quando, ad esempio, accendi una lampadina, loro la scambiano per il sole e si muovono in quella direzione. Lo toccano e si bruciano. Ci riprovano e si bruciano. Esattamente come gli uomini, sì.

  4. Topper says:

    Non esiste niente che resta al buio per sempre. La luce prima o poi arriva, o da sola o perché qualcuno gliela porta.

  5. Topper says:

    Non saremmo quel che siamo senza la luce di cui parlo. Se non ne sentissi il bisogno, non avresti bisogno di farti buio, lo saresti e basta.

  6. Topper says:

    Forse, forse, forse. Di sicuro sei migliore di quel che credi.

  7. Topper says:

    Eh eh! Ma scherzi? Il “forse” è uno dei termini che uso più spesso anche io. Forse.

  8. DigitalAngel says:

    Perché a volte ho idea che le tue parole vengano dalla mia pancia?
    Non è la prima volta che ritrovo macchie del mio animo nei tuoi scritti

  9. Topper says:

    Vorrei saper usare anche io il condizionale…

  10. Topper says:

    Sorridi!
    Spero vada bene.

  11. Laghi di inchiostro è davvero un’immagine sublime. Delicata..

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: