Cristo. Vorrei incidermi sulla pelle le parole che sfuggono dalle tue labbra, calde ed umide del tuo alito dal sapore acre di acidi riflussi di stomaco anoressico. Chissà quanti poeti saprebbero cantare della tua pelle bianca e sporca come ossa antiche sulla quale vorrei disegnare costellazioni di lividi blu oltremare. Senza sangue. Non sopporto di vederti sanguinare come un cane. Lascia scivolare i capelli sulle spalle e respira a fondo. Socchiudi le labbra e respira. Chiudi gli occhi e aspetta. La tua pelle nuda e vulnerabile macchia l'oscurità. Hai splendidi capelli neri. E labbra morbide per una .500S&WMagnum. Baci bene. Quando i principi muoiono le loro corone adornano le teste dei porci.

Tagged , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: