Qualcosa come niente

Sono  stanca. Soffoco un urlo nel cuscino. Sembra umido. Ho capelli incollati alle tempie. Continuo a sognare troppo forte. Frammenti di immagini girano tra la mente e gli occhi perseguitandomi affinché gli ritrovi senso ed ordine. E' quasi inquietante che riesca a portarmi nei sogni particolari così insignificanti. Provo a muovere le mie gambe di pietra: strisciano sotto le lenzuola senza affacciarsi dal bordo del materasso. "E andiamo!". Crollo giù.
Ho fame e nausea. Mal di testa e voglia di bere. La mia pelle sembra virare dal grigio al giallognolo. Affascinante spettro. Trovo ancora tracce di matita sotto l'occhio. Perlomeno così sembrano schiarirsi di colpo le occhiaie scure come lividi. Provo un sorriso. Mi ricorda improvvisamente le parole dell'abate: "Il riso è un vento diabolico che deforma il volto e  rende gli uomini simili alle scimmie". Lo spengo all'improvviso. I miei capelli rendono me simile ad un leone ed i grandi denti simile ad un coniglio e la statura simile ad una bambina. I miei occhi sono di un lupo affamato. Concludo che sia meglio lupo che scimmia e smetto di sorridere. Mi riesce facile. Bene. E' già qualcosa. Per oggi.

Tagged , , ,

11 thoughts on “Qualcosa come niente

  1. Anotherday says:

    Mille volte meglio lupo che scimmia, e di urla soffocate ne so anche troppo, scappare dai sogni mi fa stare un pò meglio e perciò continuo a farlo….ulula, ulula pure tanto qui non è peccato

  2. topperblog says:

    Lupo o scimmia non saprei ma è meglio quando provi un sorriso.

  3. topperblog says:

    Ma il dio analgesico, alcoolico e oppiaceo sono una cosa sola o tre?

  4. topperblog says:

    Beh, come il padre, il figlio e lo spirito santo.

  5. topperblog says:

    Se vuoi parlo con dio e gli chiedo il sole per tutto il weekend.
    Però non so se mi risponderà.

  6. SayWhen says:

    in parte è vero. il sorriso è un ringhio, non molto lontano dal mostrare i denti per aggressività.

    notte
    .. :*

  7. Come mai ci viene così facile smettere di ridere, mentre smettere di piangere a volte sembra impossibile?

    .bacio.

  8. T02M3NT3D says:

    l'uomo è un animale che si adatta, l'ho letto da qualche parte e mi è sembrata, tra le tante, la definizione più azzeccata. Certi stati fanno paura finché ne sei fuori, una volta dentro non ha più alcuna importanza – ed era proprio questo a terrorizzarti. Se domani dovvessi svegliarmi 10 anni più vecchio andrebbe bene. Pare che per la fisica se la somma complessiva delle forze applicate a un corpo in movimento è uguale a zero allora continuerà a viaggiare all'infinito. Diciamo che mi sento simile a quel corpo.

  9. Anonymous says:
  10. Anonymous says:

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: