Xilema

Quando anche l'ultima foglia sarà caduta, quando al mondo non ci sarà altro che gelo e dolore, quando avrai solo rabbia da respirare il ricordo del sangue del sole che scorreva sui nostri capelli, dei sospiri spremuti dai polmoni soffocati dalla polvere mentre guardavamo il cielo crollare e delle parole mute che hai letto sulle mie labbra diverranno preziosi come linfa. Sarò come mi hai sempre disegnato, sottile come la brezza tra gli alberi e limpida, calda e fragile come il cuore di un usignolo. Sono carne, ironica ed offensiva, invitante ed innocente. Non cercarmi, sono in ogni cosa, sono la terra, sono il frastuono. Sono nelle tue vene che pulsano sulle tempie. Sono una tua costruzione, una tua azione, le tue mani tra i capelli, una distrazione. La sensazione di qualcosa di conosciuto che non vuole tornare, come l'impulso di muovere i piedi senza aver deciso una meta. Sono follia, sono banale, sono in te, sono l'errore. Quello che ti torna alla mente quando cerchi qualcos'altro. Resteremo soli, soli in mezzo al mondo, al niente, in mezzo al tempo che abbiamo sempre gettato contro il sole. Saremo nuvole che cambiano forma. Pensi che sia speciale tutto questo? E' ovunque.

Tagged , , , , , ,

3 thoughts on “Xilema

  1. OrphenLight says:

    Sono l'essenza della vita che ti è sfuggito dalle mani come la sabbia.

  2. SayWhen says:

    è eccezionale, davvero.un bacio enorme

  3. T02M3NT3D says:

    dici che sono arrabbiato? Il termporale lascerebbe tutti asciutti.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: