[Non ho più nulla da aspettare]
Che un'altra estate caustica mi spolpi le ossa – nemmeno il dolore per i suoi morsi amari riempirà il prossimo sogno mancato
[non lasciarmi chiudere gli occhi]
Butta tutto il cibo che trovi per casa o lascialo marcire, che il suo odore dolciastro nasconda quello del mio sangue che inacidisce
[non voglio più mangiare]
Ci sono brandelli di futuro che potrai usare come ovatta per nascondere alle tue orecchie l'attimo che mi strapperà da te
[non voglio più aspettare]
Portati via i tuoi apprensivi rimproveri e le ombre contrite a solcarti il viso che aleggiano ad ogni scambio di battute. Conserva tutta la rabbia che ti sputo addosso e poi restituiscimela mille volte. Tutto questo ci farà più male della morte.
Ci tramortiamo e attendiamo il tempo necessario affinché la ferita asciughi per riaprirla ancora e ancora e ancora una volta.

Tagged , , ,

10 thoughts on “

  1. topperblog says:

    Anche quello. Mi vedo con i capelli lunghi.

  2. OrphenLight says:

    [Non voglio che ti strappino da me]Dunque cercami in quello specchio da cui fuggi ed accetta che tu sei parte di me, perchè io ho saputo crescere mentre tu ti nascondevi, perchè io ho acquistato forza da ogni tuo fallimento, da ogni tua delusione, da ogni tua lacrima.

  3. Lascia che io ti veda con gli occhi di qualcun altro.

  4. SayWhen says:

    mi fa male leggere quello che scrivi perchè sei stupenda, davvero, non dovresti sentirti cosìti stringo

  5. topperblog says:

    Tutto lì… insomma. Non è poco quello che hai detto. Io pure quando sto bene mi sento fuori da ogni cosa. E' una visione diversa, in un certo senso più menefreghista, di connettersi al mondo. Penso pure che siano le esperienze negative a farmi sentire più in sintonia con la realtà, con il quotidiano, perchè ad un certo punto devo impormi di farlo. Negli altri casi invece non mi metto mai in una posizione di stabilità, preferisco restare con la testa per aria.OK, ammetto che non si capisce niente…

  6. OpheliacRock says:

    Se quello che hai scritto è amore, o dolore d'amare, che poi credo sia la stessa cosa, forse lo voglio anch'io.Se invece sei tu da sola, mia cara, hai dentro tanta di quella poesia..

  7. OpheliacRock says:

    Beh, è un bel di mal di vivere, se ti può consolare. Ne ho visti di improduttivi e sterili e il tuo è esattamente il contrario.

  8. Anonymous says:
  9. Anonymous says:
  10. Anonymous says:

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: