Bones In a Box

Una stanza.
Pareti familiari e vintage sembrano trasudare un "romance" struggente e tragico. Colori vividi a contrasto massivo, come se un occhio di bue al centro della stanza lottasse col chiarore del giorno sul finire.

Lei dà le spalle alla scena: ha capelli biondi e mossi ad accarezzarle le scapole e un vestito leggero e smanicato, sui toni del verde. Tutt'attorno volteggia qualcosa, come tante farfalle bruciate.

Lui le scivola alle spalle e le stringe le braccia attorno alla vita, un abbraccio disperato, come fosse l'ultimo. Affonda il volto sul collo e tra i capelli di lei, ed è come implodessero in quell'abbraccio serrato e convulso.

Immagini le lacrime a rigarle il volto, a rigare il volto di entrambi e il rimbombo assordante dei loro battiti ad effetto doppler.

Ma non sono solo lacrime. Come fosse rimasta ore sotto una pioggia battente, lei ha i capelli bagnati e il vestito fradicio. Lui non sembra curarsene mentre le stringe le mani sul ventre. E tra le sue dita serrate stillano gocce. Che diventano rosse.

Dal ventre di lei cola un'emorragia senza fine.
 
Nell'assordante musica di un'intima tragedia,
                                         sotto una pioggia nerofumo
                                                                 cullati da un dolore pulsante e caldo,
                                                                                                  lei diventa cenere tra le sue braccia.

Tagged

16 thoughts on “Bones In a Box

  1. E' di sicuro uno dei tuoi pezzi più struggenti.e divenne cenere.

  2. Miei sono gli occhi, gli spettatori, e la scelta delle parole per tentare di descrivere ciò che ho visto. Spero che qualcuno vi riconosca qualcosa di familiare.

  3. OpheliacRock says:

    Mi pare proprio la scena del film Shutter Island.. dev'essere così.E' descritto perfettamente.

  4. Sì, il sogno. E' stato quasi insopportabile.

  5. OpheliacRock says:

    Perchè insopportabile?

  6. Blaze92 says:

    Mi ricorda il mito di Orfeo, rivisitato…L'abbraccio convulso, la scomparsa improvvisa.Concordo nel dire che è una delle cose più… più belle che hai scritto, anche se l'aggettivo bello non è il più adatto, credo.Cmq, anche a me capitò tante volte di trovarmi nell'imbarazzo del distacco tra la mia anima e il mio corpo.Anzi, dopo un particolare evento, passai mesi in cui non potevo nemmeno mangiare niente se avevo di fronte chiunque che mi ricordasse anche solo lontanamente una persona, altrimenti il mio corpo si dimenticava come si digerisce e mi sentivo male per ore…

  7. @ OpheliacRock: Ho quasi sentito l'impulso di dare una testata al sedile di fronte per diluire tutto quel dolore davanti ai miei occhi e tornare in me. 

  8. exogenesis says:

    è la visione di quelle farfalle bruciate che volteggiano in aria, a struggermi, ma forse perché rappresentano un simbolo al quale io sono col sangue legato, e ogni volta che io le ritrovo in qualcosa, sussulto. Ti è mai capitato di avere un simbolo, un numero, un nome, che ossessivamente ricorre nella tua vita?

  9. Anotherday says:

    Porca Vacca…è di una intensità agghiacciante…..hai le immagini chiarissime nella tua testa…

  10. @Anotherday: Beh, questa volta era davvero davanti ai miei occhi e nelle mie orecchie. Avrei voluto fermare tutto e scrivere, fissare tutto…non potendo scrivere sul mio taccuino durante la proiezione ho scritto sul cellulare frasi, colori, suoni …quello che volevo rimanesse per sempre nella mia testa.

  11. DarkAndLight says:

    Motivo in più per vedere quel film.

    Come motivi tu…Complimentosamente – D&L

  12. Intenso, veramente!Brava sai trascrivere emozioni, anche se riprese da un film!

  13. Gibsontarata sul pic-up ritmico,un suono profondo e deciso,una lieve distorsione,un fraseggio in Fa7 diminuitoper accompagnare la scena(stupenda, I like it)

  14. Bellissimo…anche a me ricorda Shutter Island…quel film mi ha davvero  fatto pensare….

  15. Una proiezione terapeutica, mia cara.

  16. SayWhen says:

    lo sai? i tuoi commenti sono sempre quelli che leggo più volentieri.cmq il metallaro è liberissimo ç_çmaledetto! avesse 1 difetto.. uno! invece niente!

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: