Heart Shaped Box

Di lui ricordo soprattutto le mani. Aveva mani bianche, come gesso, dita sottili e innaturalmente lisce, sottolineate dallo smalto, nero, come i bracciali di cuoio e i profili della t-shirt, l’inchiostro dei tatuaggi e i cavi delle cuffiette; Neri, come sono di solito quelli economici.
Le dita nervose e magre a intervalli regolari spingevano dietro l’orecchio ciocche indisciplinate biondo scuro che scivolavano dall’elastico sugli zigomi pallidi. Parlava tormentando il bordo consunto del block notes o i lacci degli anfibi, parlava fissandosi su di essi a lungo. Quando improvvisamente alzava il suo sguardo di ombre severe grigio-verdi ti sentivi colpevole, inadeguato.           
DELETED Ti guardava per un paio di secondi, poi scorreva le pareti attorno e tornava giù. 

Credo preferisse i luoghi chiusi o, forse, era solo una mia egoistica premura.
Aveva spalle sottili, quasi taglienti. Le maglie scure, scivolate libere sul ventre, rivelavano le piccole sporgenze delle vertebre sulla schiena.
Non l’ho mai abbracciato: stringere quel corpo fragile e caldo come di scricciolo sembrava una responsabilità insostenibile. Da chiudere in una scatola a forma di cuore.
Vedi? E’ possibile. Cancellare.

Tagged

7 thoughts on “Heart Shaped Box

  1. T02M3NT3D says:

    devo dire che la storia del tastare la propria mascolinità e portarsi addosso i talismani non mi è molto chiara…

    (sai, la foto di layne staley non te l’ho “rubata”, ho visto che è nel tuo profilo un attimo fa)

  2. demoniaco uomo perfetto.
    un bacio

  3. Anotherday says:

    Fighissima Descrizione Accurata e Precisa…rendi bene le immagini altro non oso dirti…

  4. Zhaunil says:

    O forse, è solo un tempo che scorre, inesorabile, incapace di frenarsi, di arrestarsi, di inciampare e rotolare all’indietro.
    Ma ci sono ricordi che non riescono a diventare tali. Portiamo indietro le lancette, forse qualche Alchimista d’altri tempi saprà donarci qualche minuto d’indietro. Da usare a nostro piacimento.

  5. Zhaunil says:

    Ma se fosse naturale il processo “d’indietro” e restaurare quel presente assai più deprimente dello stesso passato?

    Gli eventi son costantemente spronati al mutamento. Talvolta ci troviamo invischiati in circoli senza confini. Dove di Bellezza non ne restano che gli strascichi ormai logori.
    Pertanto… possiamo pur restare in attesa dell’ “indietro”, qualcosa che non verrà mai.

  6. guymessy says:

    descrizione puntuale ed attenta. Mi piace

  7. lozoccoletto says:

    non sembra che ti sia riuscito tanto bene, cancellare…

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: