Ho perso il controllo.
Del mio corpo.
Del susseguirsi di giorno e notte, luce e tenebra, caldo e freddo.

Ssshhh, non ci sono. Non esisto.
Non mangio, non respiro, non dormo.
Non ci sono. Non esisto.

Eppure ho paura. Paura di morire. Paura di essere sola. E debole.
Paura di quel vuoto pesante che mi spinge verso terra.
Paura di non riuscire a rialzarmi.
Ho sorriso quando sono riuscita a lavarmi le mani senza puntellarmi con i gomiti sul lavandino.
Ho sorriso quando ho realizzato per quale diavolo di motivo stessi sorridendo.

Dio, che schifo.

Sei troppo lontano per aiutarmi.
Di nuovo. Natale nell’aria. Tu distante. Io ammalata.
E fottutamente debole.

Piango e mi ripeto: "Smettila". Piango e mi ripeti :"Smettila".

"Ok..è tutto ok".

Credici, cristo.

Odio queste pareti ostili, che hanno senso solo se piene di te.
Odio sapere che la tua assenza sembra togliermi il sangue. Il sangue.
Ho riempito i muri di stelle. Le mie stelle.
Avresti dovuto esserci. Avrei quasi sudato per lo sforzo, non avessi questo fottuto freddo.
Le guardo, la loro tenue luce da fiaba nei miei occhi. Le guardo sperando di assorbire pace.

Quanto sono belle.

E non riesco a smettere di chiedermi quale nuova bugia tu mi stia raccontando ora.
Il sangue sembra essersi ritirato dalle mie labbra. Sono fredda e bianca. Sono neve.
Tu lontano. Io distante. E debole. Cado giù.

Sono neve.

Le bugie cadono giù e si sciolgono.
Tornerai.
Forse è notte. Ci sono stelle nei mei occhi.
Si scioglieranno. Sono neve.

…..Tornerò.


Tagged , , ,

17 thoughts on “

  1. kizwitch says:

    Vieni a stare qui, ti vengo a prendere?

  2. tornerà se deve andare in questo modo..intanto soffio il naso nel fazzoletto, mi hai commossa come al tuo solito!!
    un bacio

  3. IceWolf says:

    .. è sconvolgente come mi senta tremare nella gola molte delle tue parole scritte, a volte.

  4. KiraSakuya says:

    Il periodo di Natale è orribile, ogni sentimento, ogni ricordo.. è amplificato e non riesci a capire cos’abbia da sorridere tutta quella gente intorno a te.. quando dentro stai lentamente marcendo..
    Un abbraccio, bella!
    K.S.

  5. krayms says:

    E si sei sola..e se non credi che tornera’..mettiti pure al sole e sciogliti..ma se tornera’..e ti trovera’ siolta..chi avra’ detto la bugia o chi avra’ creduto nella propria bugia..
    Sei debole e fragile solo perche’ vuoi essere debole e fragile..perche’ non vuoi mangiare..perche non vuoi respirare..perche’ non vuoi dormire..perche’ non vuoi vivere..solo perche’ e’ lontano..
    e tu distante..
    anche se fosse lontano da questo mondo..e’ vicino nel tuo cuore..
    lo si percepisce nelle poche parole dolci che il tuo triste cuore e’ in grado di tirar fuori..
    ci sono stelle di speranza nei tuoi occhi..falle brillare..fai si che diventino luce per la strada del ritorno..se le vuoi neve invece che luce..cadranno a terra..e resterai al buio…
    Fai brillare cio’ che deve brillare!!!..
    Fai vivere in te cio’ che fa cresere la vita!!..Se solo lo vuoi..le stelle possono brillare anche di giorno!!..

  6. quanta sofferenza. Non avere accanto chi ami dev’essere atroce.

    cerca di essere forte, star male non ti aiuta.
    tornerà e ti troverà bellissima, come sei sempre stata.

    baci Cinzia

  7. IceWolf says:

    … credo proprio di immaginare quanto…

  8. totta9 says:

    ci sono ritorni
    che sono la nostra condanna.
    eppure nulla sarebbe vitale
    come quell’illusione di non essere più
    neve,
    come quel fugace sfiorarsi di anime e corpi
    che posso solo distruggersi e annientarsi a vicenda.
    esistono amori che tutto ci danno
    e tutto ci tolgono,
    nell’inafferrabile secondo di un battito di ciglia.
    e sono grandi, quegli amori.
    grandi nella loro impossibilità
    di renderci felici.
    le conosco, queste sensazioni,
    le ricordo, le sento ancora roventi sulla pelle
    se per un istante mi fermo a pensare.
    ma non c’è niente dietro questo dolore.
    niente.
    possiamo solo andare avanti.

    e lo so che è la cosa più difficile.
    lo so_
    respira a fondo, oggi.
    non temere, non pensare di risolvere tutto in un istante.

    tempo. ci vuole tempo.

    ti abbraccio

  9. oNdaTroniK says:

    tornerò,
    anche se in realtà non vado mai via.
    tornerò e sarà come se fossero passate ere, per la gioia dell’incontro.
    vorrei essere io il tuo sangue e scaldarti e darti colore anche se sono lontano. vorrei trasfondere il mio nelle tue vene e provare a resistere senza, se solo potesse aiutarti appena.
    NON vado MAI via. mai del tutto.

  10. utente anonimo says:

    Non serve a nulla dire a noi stesse di smetterla..Per quanto io me lo ripeta continuamente, nei momenti più bui, non ci riesco mai..
    Le cose probabilmente devono avere il loro corso, o semplicemente bisogna che la nostra natura abbia libero sfogo, anche quando fa più male..

    .Bacio.

    |StregaBugiarda|

  11. tra le luci del nemico tempo
    che canticchia canzoni di natale.
    io mi sciolgo con te.
    il mio riflesso nello specchio.
    è solo un sparo di pistola.
    guardo dritto.
    senza fiato.
    ho c’entrato il mio mirino.
    vetri su vetri.
    e sangue su sangue.
    scorgo il tuo sorriso distorto
    mentre navigo in bilico sul flusso di coscienza.
    niente che pulsi.
    niente che brilli.
    neve sciolta sul mio manto.
    nelle sciolta sulla mia notte.
    ed io accarezzo la tua.
    che spalanca i miei ricordi,
    quasi come li avessero scritti.
    sussurraminuovisegreti.

    tistringo.

  12. zapcity says:

    non sarai mai sola. non lo dico io lo dice internet

  13. 3RiOtGrRrl3 says:

    Estasiante.
    Raggelante.

  14. perijulka says:

    Jorge Luis Borges

    Buenos Aires

    Ti cercavo una volta nei confini

    che toccano la sera e la pianura,

    nel cancello che serba una frescura

    antica di verbene e gelsomini.

    Eri nella memoria di Palermo,

    nella mitologia del suo passato

    (mazzo di carte e pugnale) e nel bronzo

    aureo dei vani battenti, adornati

    tutti con mano e anello. Ti sentivo

    nei cortili del Sud, nella crescente

    ombra che va sfumando lentamente

    il suo disegno, mentre muore il giorno.

    Ora sei in me. Sei la mia vaga sorte,

    sei le cose che estinguerà la morte.

  15. Passiamo metà della vita a cercare di stare bene.
    Di raggiungere quel cazzo di equilibrio che ti permetta di essere una persona..
    NORMALE
    Inseguire la giusta proporzione
    x divenire…
    EQUILIBRATO.
    Niente più scatti d’ira
    niente sbalzi d’umore
    isolamenti forzati
    quel personale senso di giustizia da portare avanti,
    sempre
    e
    comunque…
    AZZERATO
    Dedichi metà della tua esistenza a questo,
    x poi scoprire,
    tuo malgrado,
    che dovrai impiegare l’altra metà della tua vita,
    a convincere gli altri,
    che non stai mentendo.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: